Germogli e Piante Di canapa

Germogli e Piante Di canapa

In un sesto di impianto per la produzione di Cannabis Light si valorizzano le singola piante di canapa, lasciandogli molto spazio per la crescita e pertanto si riduce il numero degli esemplari al mq. Una pianta di canapa sana nasce da un germoglio forte, un germoglio che nasce da una semina in campo, può non essere forte, non avrà una crescita stabile ed uniforme con il resto del campo, per non parlare del rischio di non germinazione di interi settori. La plantula di canapa è molto delicata nei sui primi 15 giorni di vita, ed è un prelibato nutrimento per molti animali e parassiti, per poter avere un campo omogeneo e non rischiare di perdere le plantule nei primi giorni di vita, noi della Rete Cannabis, consigliamo di servirsi dei plateau già germinati.

In Italia è finalmente possibile (art.2.g – legge 242/2016) usufruire del servizio di germinazione dei semi di cannabis certificati solo presso strutture autorizzate al florovivaismo. Rete cannabis si appoggia a diversi vivai, di tutta Italia, che producono plateau di piantule germinate di canapa adatte alla rivendita al dettaglio o alla produzione per piantumazione in campo per produzione dell’infiorescenza, più comunemente chiamata “cannabis light”. Negli scorsi anni le aziende agricole dovevano acquistare per legge semi certificati in sacchi di grossa pezzatura, oggi è finalmente possibile poter coltivare diverse varietà e agevolare la progettazione del sesto di impianto andando a piantumare il numero adeguato di piante già germinate in strutture adeguate.

Sempre grazie alla nuova legge 242/2016 “Disposizioni per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa si è creato un nuovo mercato rivolto alla piante di Cannabis Sativa L. ad uso decorativo con vendita al dettaglio di piante in vaso di diversa grandezza.

Per gli agricoltori e aziende agricole che sceglieranno la coltivazione per la produzione di cannabis light, ricordiamo che la scelta di platea già germinati permette di poter scegliere di coltivare molte varietà di piante di canapa legale, così da poter produrre diverse tipologie di fiore per coprire una maggior richiesta del mercato.  La messa a dimora delle piante, è molto semplice e meccanica grazie al sistema di germinazione in vassoi, ma vanno prese alcune precauzioni importanti come la preparazione del substrato, un terreno ben lavorato, morbido e ben areato; inoltre vi raccomandiamo di tenere alto il collo delle piantule così da evitare problemi successivi nella coltivazione.

Varietà disponibili nei plateau

Tutte le varietà di piante di canapa germinate nei plateau devono essere di tipologia “dioica” e presentano sia piante di sesso maschile che quelle di sesso femminile, come sancito da leggi e regolamenti vigenti attualmente in Italia.

  • Eletta Campana: la più famosa tra le varietà adatte alla produzione di cannabis light, una delle varietà europee con il rapporto THC:CBD (1:21) più alto. E’ molto difficile da reperire, vista la mancanza di semi che non vengono più prodotti dal 2016, si possono ancora trovare dei vivai che forniscono plateau germinati di questa varietà ma sono rari e costosi.
  • Carmagnola e CS: la varietà italiana più storica, conosciuta in tutto il mondo, era usata in passato per la produzione di fibra e canapulo, viene oggi usata per la produzione di infiorescenza di altissima qualità. Presenta un fiore compatto e con dei gradevoli terpeni, ha un ottimo rapporto di CBD, ma alcuni fenotipi possono superare i limiti di legge e non possono essere commercializzate, sta al agricoltore saper riconoscere i fenotipi che potrebbero sforare i limiti di legge.
  • Kompolti: riprodotta in Ungheria, produce ottime infiorescenze di cannabis light, molto forte contro le muffe di fine stagione, è una della varietà ben stabilizzata e per tanto non rischia di sforare i limiti di legge, il suo fitocomplesso ha un contenuto di CBD non molto alto, molto adatta ai novizi.
  • Tisza: è una varietà della Bulgaria, studiata per la produzione di materiale vegetale da estrazione, ha un altissimo contenuto di CBD, viene utilizzata anche per la produzione di infiorescenze, presenta una piccola percentuale di ermafroditismo ma con un attenta selezione producono un ottimo fiore.
  • Kc Virtus: varietà prodotta in Romania, è stata studiata per la produzione di fiore, con fiori densi e compatti, ha un buon contenuto di CBD anche se non altissimo, non è ancora del tutto stabile, e ci possono essere dei fenotipi occasionali che riportano anche tratti maschili, è necessario avere un occhio allenato per riconoscere ed estirpare i potenziali impollinatori.
  • Finola: La varietà più particolare del elenco europeo, è una varietà autofiorente (non dipende dal fotoperiodo) molto precoce che in tre mesi conclude il suo ciclo vitale, studiata per la coltivazione per usi alimentari, viene anche utilizzata nella produzione di cannabis light grazie ai prelibati terpeni che la compongono, la sua bassa altezza permette di aumentare la densità di piante al metro quadro, adatta ai novizi.

Come acquistare piante di canapa

Per acquistare piante di canapa è bene affidarsi a fornitori di esperienza in questo campo è importante per avere la certezza che la documentazione di accompagnamento sia conforme agli aggiornamenti normativi vigenti, avere la certezza della consegna nella data di piantumazione per non compromettere la stagione agricola, un alta qualità del prodotto acquistato, ma soprattutto, facilità di estrazione della pianta per agevolare una facilità di piantumazione manuale o meccanica. Le aziende ci chiedono soltanto la prenotazione almeno 40 giorni prima per organizzare gli spazzi di germogliazione e poter consegnare nei tempi stabiliti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *